Claudio Rancati
Reportage - Storytelling

Borders: Phantom of Mind

Reportage

Questo progetto raccoglie divisioni, illusioni, follia, speranze, passato e presente.
E’ un progetto costruito sull’esistenza dell’inesistente, frutto ancestrale dell’opera umana che ricalca la stessa considerazione che l’essere umano spesso nutre per un Dio.
E’ uno sguardo sui confini, linee e barriere artificiali, entità istituite dall’uomo che ci circondano ovunque siamo allo scopo di dividere o chiudere.

Per scrivere queste linee e renderle universalmente visibili, l’uomo è dovuto a ricorrere all’istituzione di posti di blocco e all’innalzamento di muri e reti, ponendo segni identificativi al suolo o affidandosi anche a limiti naturali dettati dalla morfologia del territorio quali fiumi, mari o catene montuose.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *